Home Page
Materiale homebrewing
Concorsi
Ricette
Eventi
News
Sondaggi
Archivio
Come partecipare
Contattaci
Download MegaFaq
Versione solo testo in un unico file (228kb)
Versione 2.1 in PDF (1.524kb)
Versione 2.1 in PDF, versione "leggera", stesso testo, grafica semplice (251kb)
Download MiniFaq
Versione solo testo in un unico file (22kb)
IHB MegaFaq
Introduzione
Attrezzatura e preparazione
Grani ed altri ingredienti fermentabili
Filtraggio
Formule
Lievito-uso
Lievito-tipologie
Priming, la carbonazione naturale
Il luppolo, l'amaro e le IBU
Autocostruzione ed altro
Coltivazione del luppolo
Dizionario
Libri
Ricette (Estratto)
Ricette (All-Grain)
Software

BANNER:
Ricerca
Chiave di ricerca
Ricerca
Autenticazione
Login
Password
Accedi
Se non sei registrato clicca qui.
SONDAGGIO:
Nessun sondaggio attivo
Per votare il sondaggio occorre essere registrati a HobbyBirra
Per accedere alla chat occorre essere registrati a HobbyBirra
<< torna alla pagina precedente
Conclusioni: a cosa serve stimare le IBU?

Il valore esatto di IBU calcolato tutto sommato ha una importanza relativa (non del tutto nulla pero'!).

Facciamo un esempio: abbiamo prodotto una birra che ci sembra troppo amara, ed la formula od il programma usato aveva determinato una stima di 46 IBU.
Giusta o sbagliata che sia questa stima, ora sappiamo che una birra a 46 IBU calcolate con *quel* programma e' un po' troppo amara per quello stile, e la prossima volta punteremo a 38-40.

Se per ipotesi avessimo usato una formula diversa ottenendo ad es 35 IBU, d'ora in poi sapremo che 35 IBU con *quelle* formule sono troppe, e ci regoleremo di conseguenza per il prossimo tentativo.

Il vero valore di IBU lo si potra' sapere solo facendola analizzare! E' piu' importante che il programma o le formule tengano conto in modo corretto delle diverse condizioni (OG e tempi di bollitura). Detto questo, secondo me, un minimo di oggettivita' c'e'.

Senza dover fare analizzare le proprie birre, ma assaggiandone di commerciali di cui si conoscono le IBU si riesce a "tarare" il proprio palato!
Inoltre un metodo per stimare il corretto bilanciamento dell'amaro in una birra esiste: secondo chi scrive una birra e' bilanciata se le IBU sono circa il 50-60% dei "punti" di OG (cioe' OG -1000) della birra finita.
Questa e' una approssimazione corretta per birre normalmente attenuate (75%, ovvero densita' finale circa 1/4 dell'OG) perche' in realta' quelli che si devono bilanciare sono gli zuccheri residui alla fine della fermentazione.

Ad es., una birra di 1078 OG sarebbe bilanciata con circa 40 IBU (ma se e' molto "secca" ne bastano di meno)

Naturalmente ogni stile ha il suo bilanciamento verso il dolce o l'amaro. Una lager a 1050 e 25 IBU, e' piacevole, ma una pils coi fiocchi tende decisamente all'amaro e infatti la Urquell arriva a 44.
Un Barley Wine a 1100 e 60 IBU e' abbastanza bilanciato, un po' tendente all'amaro, come deve essere (in realta' e' MOLTO amaro, ma e' anche MOLTO dolce)

Nota: se stiamo semplicemente seguendo una ricetta gia' dettagliata (con tanto di tempi di bollitura) non e' necessario addentrarsi nei calcoli degli IBU - anche se non si ha a disposizione un luppolo dello stesso identico AA% di quello specificato nella ricetta; bastera fare una semplice proporzione.

Ad es., posso sostituire 40 gr di luppolo al 6% AA con 60 gr. di luppolo al 4% AA e cosi' via.

Copyright 2006 HobbyBirra - All Right Reserved
Realizzato da: Billy, Zurgo e Spaghetto