Home Page
Materiale homebrewing
Concorsi
Ricette
Eventi
News
Sondaggi
Archivio
Come partecipare
Contattaci
Download MegaFaq
Versione solo testo in un unico file (228kb)
Versione 2.1 in PDF (1.524kb)
Versione 2.1 in PDF, versione "leggera", stesso testo, grafica semplice (251kb)
Download MiniFaq
Versione solo testo in un unico file (22kb)
IHB MegaFaq
Introduzione
Attrezzatura e preparazione
Grani ed altri ingredienti fermentabili
Filtraggio
Formule
Lievito-uso
Lievito-tipologie
Priming, la carbonazione naturale
Il luppolo, l'amaro e le IBU
Autocostruzione ed altro
Coltivazione del luppolo
Dizionario
Libri
Ricette (Estratto)
Ricette (All-Grain)
Software

BANNER:
Ricerca
Chiave di ricerca
Ricerca
Autenticazione
Login
Password
Accedi
Se non sei registrato clicca qui.
SONDAGGIO:
Nessun sondaggio attivo
Per votare il sondaggio occorre essere registrati a HobbyBirra
Per accedere alla chat occorre essere registrati a HobbyBirra
<< torna alla pagina precedente
Caratteristiche ed utilizzo

I grani e gli altri ingredienti (fiocchi, ecc.) che forniscono al mosto materiale fermentabile si dividono in diverse categorie che derminano la loro tecnica di utilizzo.
La prima distinzione e' fra ingredienti che necessitano di mashing e quelli che non ne hanno bisogno. Questi ultimi infatti hanno gia' subito una trasformazione che ha convertito l'amido in zuccheri piu' o meno fermentabili. E' come se fosse avvenuto una specie di mini-mashing all'interno di ciascun piccolo grano di malto. In questo processo e' avvenuta (in misura variabile) anche una caramellizazione o tostatura. Tutti i malti con il nome che inizia per Cara- appartengono a questa categoria, insieme ai malti crystal, chocolate e black.
La loro utilita' e' quella di poter essere usati con semplicita' nel metodo di produzione da estratto di malto. La loro funzione e' di aggiungere/variare colore, gusto, aroma (e in qualche caso, come nel Carapils, corpo) e non quella di costituire il "grosso" del materiale fermentabile: per questo sono anche utilizzati nella tecnica produttiva "all grain"; in questo caso subiscono il processo di mashing insieme agli altri grani, ma solo per comodita' di uso.
Anche fra i grani e gli ingredienti che necessitano di mashing si deve fare una distinzione: infatti
  1. alcuni grani contengono gia' gli enzimi necessari alla conversione di amido in zucchero, anzi in quantita' superiore alle loro stesse esigenze
  2. alcuni grani contengono gia' detti enzimi, ma solo in quantita' strettamente necessaria a loro stessi 
  3. altri grani o ingredienti ne sono privi. Questi ultimi (sono gli ingredienti piu'... rompiscatole) devono essere miscelati insieme ai grani di tipo 1.
Tornando agli ingredienti che non necessitano di mashing, da notare che alcuni (come l'orzo tostato) non sono in realta' "saccarificati" (amido convertito in zucchero) ma semplicemente tostati in modo tale da estrarre solamente colore (scuro) e aroma (tostato). Infatti il concetto base di tutto e':
  1. vogliamo estrarre zuccheri e/o colore, gusto e aroma
  2. non *dobbiamo* estarre amido
NECESSITA
MASHING
HA ENZIMI
SUFFICIENTI
HA ENZIMI
IN ECCESSO
Pilsener SI SI SI
Pale SI SI SI
Grano SI SI NO?
Grano non maltato SI NO NO
Monaco SI SI NO
Vienna SI SI NO
Amber SI NO NO
Biscuit SI NO NO
Fiocchi SI NO NO
Carapils NO / /
Cara-xxx NO / /
Crystal NO / /
Chocolate NO / /
Special B NO / /
Black NO / /
Roast barley NO / /

Quanto sopra per quanto riguarda la possibilita' di utilizzo dei grani; ora passiamo al loro effetto quando vengono impiegati.
Copyright 2006 HobbyBirra - All Right Reserved
Realizzato da: Billy, Zurgo e Spaghetto