Home Page
Materiale homebrewing
Concorsi
Ricette
Eventi
News
Sondaggi
Archivio
Come partecipare
Contattaci
Download MegaFaq
Versione solo testo in un unico file (228kb)
Versione 2.1 in PDF (1.524kb)
Versione 2.1 in PDF, versione "leggera", stesso testo, grafica semplice (251kb)
Download MiniFaq
Versione solo testo in un unico file (22kb)
IHB MegaFaq
Introduzione
Attrezzatura e preparazione
Grani ed altri ingredienti fermentabili
Filtraggio
Formule
Lievito-uso
Lievito-tipologie
Priming, la carbonazione naturale
Il luppolo, l'amaro e le IBU
Autocostruzione ed altro
Coltivazione del luppolo
Dizionario
Libri
Ricette (Estratto)
Ricette (All-Grain)
Software

BANNER:
Ricerca
Chiave di ricerca
Ricerca
Autenticazione
Login
Password
Accedi
Se non sei registrato clicca qui.
SONDAGGIO:
Nessun sondaggio attivo
Per votare il sondaggio occorre essere registrati a HobbyBirra
Per accedere alla chat occorre essere registrati a HobbyBirra
<< torna alla pagina precedente
Promash

logo di Promash

PROMASH

ProMash is a trademark of Sausalito Brewing Co., Jeffrey Donovan.
Versione attuale: 1.8.a
Ultimo aggiornamento: 03/08/2003
Prezzo: $24.95 acquistabile online con carta di credito.
Requisiti minimi di sistema: Windows 9x, Windows NT o Windows 2000. Scheda video a 256 colori, 8 Megabyte RAM, 3.5 Megabyte spazio su disco.
Sul sito è disponibile una Evaluation version http://www.promash.com/Software/eval.html, con una serie di limitazioni (creazione e/o modifica di 3 ricette, salvataggio di 9 sessioni di birrificazione, stampa disabilitata)

Lo confesso, è il mio preferito.
Molto completo, direi quasi "professionale" (è adottato da molte micro-breweries USA), con una quantità di settaggi per adattarlo alle proprie preferenze e attrezzature e pertanto richiede una buona conoscenza tecnica. Permette di formulare ricette con estratti e mash parziale, pur essendo decisamente orientato verso l'all-grain.
Comprende moduli di calcolo per la carbonazione, il trattamento dell'acqua, lo sparge, la correzione del densimetro, le diluizioni, le perdite di AA% dei luppoli e chi più ne ha più ne metta.
Può essere predisposto per l'uso di unità metriche o US. I database degli stili (BJCP o AHA) e degli ingredienti sono modificabili, esportabili ed importabili. Ricette e sessioni sono registrabili separatamente anche come file ASCII. Si possono selezionare le formule per il calcolo delle IBU e del colore SRM.
La progettazione dei profili di mash è molto valida, anche se non permette di pianificare agevolmente delle decozioni.
Anche se la versione attuale (1.3b) è piuttosto stabile, sono ancora presenti alcuni difetti legati all'uso delle unità metriche (questi anglosassoni proprio non vogliono imparare... :-)
Tuttavia l'autore Jeffrey Donovan è molto disponibile, e lo sviluppo procede con frequenti bug fix e miglioramenti.

NOTE SULL'UTILIZZO DI PROMASH

Il sistema di Help di ProMash è ben fatto, e copre in modo chiaro e abbondante tutte le funzioni del programma e comprende anche un Tutorial, quindi vale il solito consiglio: LEGGETE I MANUALI (qui la traduzione di Claudio Clipper in italiano)!

L'interfaccia di ProMash è relativamente semplice: una serie di pulsanti che richiamano i vari moduli di calcolo e i database.
Il primo passo è quello di impostare i settaggi generali, dal menu Options -> System Settings.
Qui potrete configurare il software in base alle vostre condizioni di lavoro e alle vostre preferenze personali, quindi mi limiterò a fornirvi alcuni consigli.
Scegliete BJCP come database di default degli stili. Impostate tutte le misure su Metric e il System Mode su Homebrewer.
Impostate l'efficienza del sistema inizialmente a 0.75 (75%, in seguito potrete aggiustare il valore). Contrariamente a quanto indicato, a causa di un "bug" il numero che dovete introdurre nel campo "Grain absorption rate" deve essere in litri/libbre. Nel mio caso ho inserito un valore 0,77 (corrispondente a circa 1,7 litri/Kg). Per il calcolo del colore SRM, personalmente ho selezionato le formule di Morey. Per l'evaporazione, impostate 10% (potrete calibrarlo meglio dopo qualche misurazione). Per le IBU, anche se concettualmente mi piacciono di più le formule di Tinseth, uso quelle di Rager perché sembrano rispecchiare maggiormente le mie condizioni reali. Potete lasciare le altre impostazioni ai valori di default. Per rendere le modifiche permanenti, premete il bottone "Save As Default". Se invece premete il bottone OK, le impostazioni modificate resteranno valide solo per la sessione in corso.

Ora che avete predisposto il sistema, passate ad esplorare i database, premendo i bottoni al fondo dello schermo. Qui potrete modificare i dati degli ingredienti, cancellarli o registrarne di nuovi, aggiornare l'inventario delle scorte, stampare.

Le 2 file di bottoni al centro dello schermo servono invece ad invocare i diversi moduli di calcolo. Normalmente questi moduli vengono utilizzati all'interno della formulazione delle ricette e delle sessioni, ma in questo modo è possibile richiamarli autonomamente:
  • Units - utilissimo convertitore di unità di misura.
  • Hop Time - per valutare la perdita di AA% di un luppolo nel tempo.
  • Hop IBUs - per calcolare l'utilizzo dei luppoli.
  • Water Profiler - per calcolare le quantità di sali da aggiungere all'acqua per ottenere un certo profilo.
  • Water Needed - per calcolare la quantità di liquore per il mash e lo sparge, le perdite nel sistema, l'evaporazione, ecc.
  • Boil Off - permette di calcolare l'aumento di densità del mosto in funzione del tempo di ebollizione.
  • Strike Temp - per calcolare la temperatura e quantità di acqua richieste per una infusione.
  • Mash Designer - per progettare un profilo di mash.
  • CO2 - per calcolare la carbonazione (priming o forzata).
  • Hydro Adjust - per le correzioni alla lettura del densimetro in funzione della temperatura.
  • % Alc - per calcolare il grado alcolico approssimativo (% peso e volume) data l'attenuazione.
  • Dilution - per calcolare la diluizione del mosto o gli effetti della miscelazione di 2 mosti diversi.
ProMash gestisce in modo distinto le ricette e le sessioni di birrificazione. Le prime vengono salvate come file .REC, le seconde come file .BRW

Con il pulsante New Recipe compare il modulo di progettazione. Qui scegliete per esempio lo stile, la dimensione della cotta, il tempo di ebollizione, l'efficienza del sistema... Poi procedete aggiungendo gli ingredienti e variandone le quantità. Con il pulsante Yeast And Water scegliete dai database il tipo di lievito che intendete impiegare e le caratteristiche dell'acqua.
Con il pulsante Extras & Notes potete aggiungere altri ingredienti (spezie, chiarificanti, ecc.) e specificare commenti e annotazioni utili.
Con il pulsante Mash Schedule potrete progettare il profilo di mash desiderato.
ProMash può utilizzare un modello semplificato (in cui specificate solo temperature e tempi), oppure uno complesso (in cui inserite un numero illimitato di step e calcolate le infusioni necessarie). In entrambi i casi è possibile salvare il profilo in modo da poterlo riutilizzare in altre ricette.
Quando siete soddisfatti della ricetta che avete impostato, con il pulsante Save salvatela in un file .REC
Potrete sempre richiamarla premendo il pulsante Load Recipe e modificarla a piacimento.

Le sessioni di birrificazione si creano invece premendo il pulsante New Session.
Qui sceglierete la ricetta che intendete realizzare e andrete ad impostare i dettagli relativi a questa particolare sessione.
Per esempio, una volta scelta la ricetta, con il pulsante Edit Ingredients potete variare la formulazione della ricetta (magari all'ultimo momento decidete di cambiare lievito o luppolatura) e con il pulsante Mash Program Specifics anche il profilo di mash.
Uno dei punti di forza di ProMash è proprio la possibilità di modificare anche radicalmente la ricetta e il profilo di mash sessione per sessione, lasciando inalterata la ricetta originale: tutti i dati necessari vengono registrati nel file .BRW di quella particolare sessione. Questo permette tra l'altro lo scambio di ricette e sessioni con i vostri amici.
Con il bottone Water Profile potete calcolare le quantità di sali da aggiungere per ottenere il profilo del liquore desiderato.
In questo modulo compaiono alcune imperfezioni "cosmetiche": le concentrazioni di sali portano l'indicazione "ppm per gallon" (mentre ovviamente si tratta di ppm), e le aggiunte "grams per gallon" (mentre il numero visualizzato rappresenta i grammi/litro). Jeffrey mi ha promesso di rimediare al più presto...
Con il pulsante Water Needed potete calcolare tra l'altro la quantità di liquore per lo sparge e prevedere il volume del mosto alla fine della bollitura, tenendo conto delle varie perdite e assorbimenti. Con il pulsante Analyze Inventory potete verificare di avere a disposizione gli ingredienti richiesti in quantità sufficiente.
Con il pulsante Finalize Inventory, verranno aggiornati i database degli ingredienti, sottraendo le quantità di ingredienti utilizzati in questa sessione.
Il pulsante Fermentation Specifics vi servirà in seguito per annotare utili informazioni sulla fermentazione (tempi e modi, densità effettive, ecc.).
Il pulsante Bottling /Kegging vi permetterà di calcolare e registrare i dati per il priming o la carbonazione forzata.
Infine il pulsante Notes vi permetterà di registrare commenti e annotazioni sulle varie fasi della produzione, utili per apportare eventuali correzioni nei futuri batch.
Naturalmente il pulsante Save registrerà la sessione in un file .BRW, che potrete richiamare e aggiornare in seguito con il bottone Load Session.
Copyright 2006 HobbyBirra - All Right Reserved
Realizzato da: Billy, Zurgo e Spaghetto